MENU

LANGA

Vent’anni di “Aquilone” a Farigliano, Carlo Borra: «Abbiamo ricevuto più di quanto dato»

Intervista al presidente della onlus che domenica ha festeggiato il raggiungimento di un importante traguardo

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Vent’anni di “Aquilone” a Farigliano, Carlo Borra: «Abbiamo ricevuto più di quanto dato»

Nello scorso weekend il raduno della “Casa do Menor” al Bricco Rosso, domenica la festa per i 20 anni dell’associazione con una messa concelebrata da padre Renato e don Giorgio nella chiesa parrocchiale di Farigliano e il pranzo alla trattoria “Da Anna” a Lequio Tanaro. Sono giorni di condivisione e solidarietà per i volontari de “L’Aquilone”, l’organizzazione no profit guidata da Carlo Borra creata nel 2001 da un gruppo di genitori intenzionati a fare del bene.

Presidente Borra, “L’Aquilone” ha compiuto 20 anni: che effetto le fa?

«C’è tanto orgoglio: credo che nessuno nel 2001 pensasse che saremmo arrivati dove siamo arrivati. Ne abbiamo parlato durante il pranzo di domenica quando abbiamo ricordato quattro “colonne portanti” dell’associazione che sono “andate avanti”: Fulvia Revelli che ha fondato con me L’Aquilone, Maria Ventura, Lusa (la mamma di Micaela Vietto, nei giorni scorsi protagonista a Miss Universo Italy ndr) e Leo Delucis...».

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl