MENU

LANGA

Dopo un anno di stop, a Cigliè si torna a distribuire la Cisrà

La tradizionale minestra di ceci e verdure sarà servita domenica a partire dalle 12,30

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Dopo un anno di stop, a Cigliè si torna a distribuire la Cisrà

«Finché possiamo le tradizioni cerchiamo di mantenerle». Così Gianfranco Marengo, presidente della Pro Loco di Cigliè, alla vigilia della Cisrà che domenica 17, a partire dalle 12,30 sarà distribuita a 150 persone con Green Pass. «Avevamo già organizzato la festa a giugno - aggiunge Marengo - ma l’intenzione è sempre stata quella di riproporre anche la Cisrà. D’altra parte il sindaco Adriano Ferrero ci teneva e quando Giovanni Sciolla si è reso disponibile abbiamo deciso di provarci: a causa del Covid abbiamo perso volontari ma… non molliamo!».

La minestra di ceci e verdure inizierà a bollire intorno alle 2,30-3 di notte. Dovrebbe essere pronta per l’ora di pranzo quando i partecipanti potranno gustare al coperto un menù a 20 euro (10 per i bambini) composto da Cisrà, secondo con contorno, dolce, acqua e vino. Se i posti sono esauriti è ancora possibile prenotare la pietanza, acquistabile anche da asporto, da degustare dopo le 16 chiamando il Comune (0174/60132), Gianfranco (333/2478438) o Giovanni (338/1172868). Per tutto il pomeriggio, oltre a curiosare tra i banchi del mercatino di prodotti artigianali inaugurato alle 11 assieme alla mostra fotografica amatoriale, sarà infatti comunque possibile assaggiarla a 10 euro in abbinamento al formaggio, a un dolce e al vino. Alle 15, infine, spazio alla musica rock, pop e dance grazie al concerto a ingresso libero della cover band degli “Armonia” (Monica voce, Luca chitarra e voce, Federico tastiere, Gianluca basso, Giuliano batteria). Nel corso della manifestazione, organizzata da Pro Loco e Comune con il contributo della Fondazione Crc in collaborazione con il ristorante “Al Castello”, sarà possibile ritirare la cartolina ricordo con l’Annullo Filatelico di Poste Italiane. «Quella della Cisrà - conclude il presidente della Pro Loco - è un’antica tradizione che si era persa. Nel 2000 l’abbiamo riproposta: in un primo momento a San Dalmazzo e poi in paese. Da allora, eccetto due volte, è andata in scena tutti gli anni: quella di domenica sarà la 20esima edizione, un bel traguardo che vogliamo celebrare nel migliore dei modi».

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl