MENU

LANGA

Dogliani: il “porta a porta” nelle frazioni costerà al Comune 20.000 euro in più

Il consiglio comunale di martedì scorso ha approvato tariffe e piano finanziario della Tari

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Dogliani: il “porta a porta” nelle frazioni costerà al Comune 20.000 euro in più

L’allargamento della raccolta dei rifiuti “porta a porta”, fino all’anno scorso attivo solo nel centro, a tutto il territorio comunale costerà al Comune 20.000 euro in più. Questo quanto si è appreso nel corso del consiglio comunale di Dogliani che nella serata di martedì scorso, con il nostro giornale già in stampa, è stato chiamato ad approvare il Piano Economico Finanziario e le tariffe 2022 della Tari, la tassa sui rifiuti. «Se l’anno scorso il Pef della Tari ammontava a 640.000 euro - ha spiegato il ragionier Osvaldo Boggione rispondendo ad una domanda del consigliere Claudio Raviola - quest’anno ammonta a 660.000 euro: i 20.000 euro in più trovano giustificazione nell’attivazione del nuovo servizio». Partito il 1° di febbraio, prima ancora che fosse avviato il “porta a porta” nelle frazioni suscitò numerose proteste tra i frazionisti. «Dopo un primo momento di “smarrimento” - ha, però, fatto notare il sindaco Ugo Arnulfo - il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti sta iniziando a funzionare...».

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl