Cerca
Alto Tanaro
2019-09-21
condividi
Garessio: domato l'incendio al tetto di una casa

GARESSIO -  Intorno alle 13,30 di venerdì i vigili di Garessio sono stati chiamati per domare le fiamme sviluppatesi sul tetto di una casa in frazione Trippa. Hanno evitato il propagarsi delle fiamme alle strutture vicine. Sono andati distrutti circa 40 metri di tetto. Sul posto Vigili del fuoco volontari di Garessio ed i carabinieri delle stazioni di Garessio ed Ormea. Giunta anche una squadra da Mondovì. Nessun danno ad altre cose o persone.
si sta indagando sulle cause 

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
Garessio incendio
Alto Tanaro
2019-09-18
condividi
Paolo Rubaldo - foto Troise Carmine Vda Trailers
Ultratrail: Flavio Ferrero e Paolo Rubaldo, ovvero testa, gambe e cuore
Finisher al Tor des Geants (per la terza volta) ed al primo Tor des Glaciers

Gli ultramaratoneti nostrani hanno brillato al Tor des Géants ed alle sue gare collaterali in Valle d’Aosta. Nella “regina”, giunta alla decima edizione e vinta dal bergamasco Oliviero Bosatelli, il giro della Vallée è riuscito al portacolori del Team Marguareis Flavio Ferrero arrivato al traguardo di Courmayeur in cinque giorni (o meglio 125 ore e 25’), in posizione 202 su oltre 939 partenti (ben 72 Nazioni rappresentate) ma alla fine il risultato conta poco, contano le sensazioni di una gara massacrante.

«Ho concluso il mio terzo Tor, ma l’ho trovato molto particolare, anzi il più bello. La prima parte con la neve ci ha bastonati un po’, ma i problemi più grossi li abbiamo avuti nelle due notti con temperature rigide (anche -10° in quota). In me resterà soprattutto l’immagine di una luna spettacolare - commenta -. Purtroppo, ero un mese e mezzo in ritardo come allenamenti per via di una protrusione ad una vertebra; il dolore maggiore però l’ho sentito al ginocchio nelle discese più difficili. Ho patito anche il sonno, soprattutto dopo la prima tirata di 50 ore; a tutti vengono delle allucinazioni e sono utilissimi dei micro sonni che permettono di resettare il cervello».

...

...

Discorso a parte merita il Tor des Glaciers, 450 km e 32.000 m. di dislivello sulle due vie meno battute e con tratti alpinistici, riservato a cento “eletti” che avevano già concluso il Tor des Geants. Ottimo il ritmo iniziale del garessino Paolo “Excalibur” Rubaldo che ha svoltato presto al giro di boa in Bassa Valle e veleggiava nella top ten, nonostante i primi problemi con il GPS. «Sono stato ripescato a Ferragosto e solo allora ho comprato il Gps, ma dovevo fare più pratica anche in posti sconosciuti. A volte si perdevano le tracce e prima di Donnas avevo già fatto chilometri in più - commenta Rubaldo -. Le prime bolle ai piedi non mi sono state curate bene in un rifugio, ma stavo andando bene, ero con Guerini a Saint Jacques al Rifugio sotto il Cervino, dovevo rimanere con lui invece l’ho lasciato andare e mi sono perso. Addirittura sono tornato indietro e l’ho pagata».

...

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
Ultratrail Valle d'Aosta Tor Geants Tor Glaciers Marguareis Valtanaro Rubaldo Ferrero imprese finisher interviste
Articolo scritto da:
p.cam
SOCIAL
IL FONDO
Nel febbraio scorso il nostro giornale era venuto a conoscenza della trattativa tra Coca Cola e Acque Lurisia. Un'operazione tenuta in gran segreto...