Cerca
Langa
2019-12-12
condividi
Fiera del Bue Grasso di Carrù: buona la “prima” con colazione delle sei, manzi e bollito no stop
Partita la kermesse, il sindaco Ieriti al contrattacco: «La magia non si è interrotta»

CARRÙ - La Fiera del Bue Grasso versione “extra large” (durerà fino a domenica) ha preso il via. Clima di festa in paese fin dalle prime luci dell’alba del giovedì: tradizionale colazione delle sei nei ristoranti tutti strapieni ed una lunga coda al bollito no stop.

Alle polemiche sulla formula (Fiera di quattro giorni con la rassegna zootecnica divisa fra oggi, giovedì, e domenica), lanciate anche da una figura nota come il fondatore di Slow Food Carlin Petrini, il sindaco Stefania Ieriti ha risposto “a distanza” durante il suo discorso inaugurazione: «Questa mattina ho respirato l’attesa, la passione per la Fiera. Non ho visto di certo una magia che si è interrotta».

In apertura della cerimonia di premiazione, nel “Bue Stadium” al coperto, due riconoscimenti speciali. Il tradizionale “cupun” dell’associazione “Bravom”, destinato ad uno degli allevatori storici della kermesse, è stato consegnato a Franco Tomatis di Magliano Alpi. Il secondo premio speciale è andato invece a Franco Massimino, per i suoi 25 anni di giuria.

 

GLI ALLEVATORI PREMIATI

Senza i buoi (verranno premiati domenica, giorno conclusivo della Fiera) i riflettori, nella cerimonia delle 11, sono stati tutti per i manzi.

Si è partiti dai manzi grassi della coscia: la gualdrappa bianca del vincitore ad uno dei nomi più “noti” della Fiera, Luigi Carlo Vallino di Marene. Al secondo posto Giuseppe e Andrea Fruttero di Trinità, al terzo Romina Martinengo di Rocca de’ Baldi.

Nei manzi grassi migliorati il primo premio è andato a Gualtiero Sansoldo di Tarantasca, secondo Silvio Roccia di Fossano, terzo Alberto Streri di Margarita.

Terza e ultima categoria dei manzi, i nostrani: primo premio ad Ivan Abello di Villar San Costanzo; seconda Maria Giuseppina Revelli di Clavesana; terza Antonella Ferrero di Gabiano (Alessandria).

Infine, fra le altre categorie, c’è da segnalare il primo premio, nei vitelli castrati, per l’allevatore carrucese Giuseppe Ferreri.

 

PHOTOGALLERY DELLA GIORNATA

http://www.provinciagranda.it/mediagallery.php?id=405

 

IL PROGRAMMA DEI PROSSIMI GIORNI

La manifestazione continua fino a domenica con il seguente programma.

Venerdì 13 dicembre

- ore 10.30, al teatro Vacchetti, convegno a cura del Centro Studi Unesco di Torino;

- ore 20.30, al teatro Vacchetti, consegna del premio “Bue d’oro” al Ministro Fabiana Dadone e al Colonnello Carlo Calcagni e consegna della Costituzione Italiana ai diciottenni dei comuni di Carrù, Bastia Mondovì, Clavesana, Magliano Alpi e Piozzo.

Sabato 14 dicembre

- ore 10.30, 14^ asta del bue grasso in Piazza Mercato;

- ore 13, pranzo del gran bollito.

Domenica 15 dicembre

109^ FIERA NAZIONALE DEL BUE GRASSO

- bancarelle per tutto il paese, esposizione di macchine ed attrezzature agricole;

- dalle ore 9, presso il palafiera, bollito “no stop” senza prenotazione;

- dalle ore 11, in Piazza Mercato, premiazione delle categorie bovine buoi;

- alle 17.15, dal palafiera, spettacolo di fuochi d’artificio offerto dalla Pro Loco.

 

 

 

 

 

fiera bue carrù manzi giovedì giorno
Articolo scritto da:
m.g.
Langa
2019-12-11
condividi
Sono i giorni di Carrù, con una Fiera extra large
La premiazione dei capi migliori giovedì (manzi e altre categorie) e domenica (i buoi)

CARRÙ - Sono i giorni di Carrù, più che mai al plurale. Grazie ad una Fiera “extra large” lunga quattro giorni. La porta della Langa comincia ad animarsi fin dalle prime ore di giovedì, quando si comincerà a fare la coda fuori dai ristoranti per la colazione delle sei, ed il clima festaiolo durerà fino a domenica: gran finale con al mattino la premiazione del “re” dei buoi e al pomeriggio l’inedito spettacolo pirotecnico. Carrù è attesa dalla prova della nuova formula (che non piace a Carlin Petrini): sul fronte visitatori le attese sono molto positive.

 

L’elezione del “re” della Fiera

Il momento più atteso da allevatori, macellai, e perché no dal pubblico? Domenica mattina, ore 11, nello “Stadium” (coperto e riscaldato: è una novità) in piazza Mercato, la premiazione dei buoi vincitori. Verrà eletto, per la prima volta quest’anno, un “re” assoluto della Fiera. L’abbiamo già annunciato. Ma in “zona Cesarini” sono cambiate le modalità di voto. I vincitori delle tre categorie verranno proclamati insieme, al termine della cerimonia. «Essendo quest’anno lo Stadium chiuso, si teme che applausi forti possano creare problemi agitando gli animali - spiega il sindaco Ieriti -. Allora tutti gli spettatori verranno dotati di schede (verdi, bianche e rosse, come la bandiera italiana): ogni colore sarà abbinato a un bue».

La premiazione di tutte le altre categorie - manzi, vitelli, vitelloni, tori, vitelle, manze e vacche - si tiene invece giovedì, 12 dicembre, sempre alle ore 11 e sempre in piazza Mercato. I premi, lo ricordiamo, saranno in totale 106 (grazie all’impegno di Banca Alpi Marittime): i macellai non vedono l’ora di appendere nel loro negozio l’ambita gualdrappa.

 

Parcheggi e viabilità: come muoversi per arrivare in Fiera

Come muoversi per arrivare alla Fiera del Bue Grasso? L’abbiamo annunciato una settimana fa, non ci saranno parcheggi a pagamento. Ci sono due zone speciali individuate per i bus, il piazzale della Nicoletta, e per i camper, il piazzale cimitero. Si potrà parcheggiare su un lato della circonvallazione e di strada Trinità e, notizia dell’ultimo minuto, sarà attiva una navetta gratuita per chi volesse posteggiare all’area artigianale di Clavesana. Due anche le aree riservate ai disabili: una lungo viale Vittorio Veneto, dopo la rotonda di via Trinità; l’altra in via Uberto Revelli, nei pressi dei Perticali. Capitolo viabilità: domenica 15 sarà chiuso tutto il centro di Carrù (si potrà transitare solo sulla circonvallazione). Giovedì 12, invece, è vietata al traffico solo la zona di piazza Mercato.

 

IL PROGRAMMA

Giovedì 12 dicembre

109^ FIERA NAZIONALE DEL BUE GRASSO

- mercato ambulante, esposizione di macchine ed attrezzature agricole;

- dalle ore 9, presso il Palafiera, bollito “no stop” senza prenotazione;

- dalle ore 11, in Piazza Mercato, premiazione delle categorie bovine manzi, vitelli castrati, vitelloni, tori, vitelle, manze e vacche.

Venerdì 13 dicembre

- ore 10.30, al teatro Vacchetti, convegno a cura del Centro Studi Unesco di Torino;

- ore 20.30, al teatro Vacchetti, consegna del premio “Bue d’oro” al Ministro Fabiana Dadone e al Colonnello Carlo Calcagni e consegna della Costituzione Italiana ai diciottenni dei comuni di Carrù, Bastia Mondovì, Clavesana, Magliano Alpi e Piozzo.

Sabato 14 dicembre

- ore 10.30, 14^ asta del bue grasso in Piazza Mercato;

- ore 13, pranzo del gran bollito.

Domenica 15 dicembre

109^ FIERA NAZIONALE DEL BUE GRASSO

- bancarelle per tutto il paese, esposizione di macchine ed attrezzature agricole;

- dalle ore 9, presso il palafiera, bollito “no stop” senza prenotazione;

- dalle ore 11, in Piazza Mercato, premiazione delle categorie bovine buoi;

- alle 17.15, dal palafiera, spettacolo di fuochi d’artificio offerto dalla Pro Loco.

 

 

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
fiera carrù programma buoi
Articolo scritto da:
m.g.
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
SOCIAL
IL FONDO
Il prossimo 12 dicembre sarà aperto a Vado Ligure il nuovo terminal container ribattezzato “Vado Gateway”. È destinato a ...