Cerca
Langa
2019-10-11
condividi
Nel nome di Einaudi, la giornata della Presidente del Senato a Carrù
Maria Elisabetta Alberti Casellati ha inaugurato il museo alla Nicoletta

CARRÙ - La Presidente del Senato ha inaugurato ieri, giovedì, la “Sala Einaudi”: un atto fortemente simbolico a cento anni dalla nomina a senatore dello statista nato a Carrù. Una giornata storica per il paese.

 

Il racconto della visita

È l’una e venti quando la Presidente Casellati arriva a Carrù. Le autorità, fra cui il sindaco Stefania Ieriti e il neo ministro della Pubblica Amministrazione Fabiana Dadone (carrucese d’adozione), l’attendono davanti al ristorante “Moderno” per il pranzo. Nel menu non può mancare il piatto simbolo del paese, il bollito.

Alla Nicoletta, poco dopo le 15, il momento clou: il “tris” di donne Casellati-Ieriti-Dadone, al loro fianco un folto gruppo di sindaci e amministratori del territorio, taglia il nastro della Sala Einaudi, un museo che contiene importanti documenti storici del Comune. La Casellati, durante il suo intervento successivo in Municipio, sottolineerà l’importanza di una Sala dedicata a Einaudi: «Mi congratulo con il sindaco e l’amministrazione comunale, per la scelta di intitolare una sala all’interno della struttura polisportiva, un luogo frequentato da giovani. Una scelta che garantirà a questa comunità ulteriori occasioni per ricordare e celebrare un grande piemontese, un grande italiano». La Banda Giovanni Alesina accompagna l’inaugurazione e suona l’inno di Mameli. La presidente Casellati, lasciando “La Nicoletta” si complimenta.

Immancabile una sosta davanti alla casa natale di Luigi Einaudi, dove la Presidente del Senato posa una corona di fiori. Qui avviene l’incontro con uno dei personaggi più importanti del paese, il reduce di Russia Beppe Bertano.

La Presidente Casellati raggiunge poi a piedi, passando nel cuore di Carrù (piazza Dante, via Mazzini), il Municipio. Il sindaco Stefania Ieriti, al suo fianco, le fa da “Cicerone” illustrando i principali monumenti del paese.

 

Gli interventi

Nella sala del Consiglio comunale, alla presenza di autorità e giornalisti, si tiene il discorso ufficiale della Casellati. La Presidente traccia un dettagliato profilo di Einaudi e ricorda altre figure del paese: «È importante il contributo che questa terra ha sempre fornito al Paese - le sue parole - e non è un caso che Carrù annoveri altri importanti cittadini illustri, fra i quali il Deputato del regno Enrico Calleri e il generale Giuseppe Curreno di Santa Maddalena, figura di primo piano della Resistenza».

Seguono gli interventi del Ministro Fabiana Dadone - che svela un retroscena: «Ho insistito talmente tanto con la presidenza della Camera, che siamo riusciti a riportare il busto di Einaudi nella galleria dei Presidenti» -, del sindaco Stefania Ieriti («Carrù rende omaggio a Einaudi, alla sua statura di uomo e di statista, il cui insegnamento ancora oggi ci indica la strada da percorrere»), dell’avvocato Alessio Ghisolfi (consulente giuridico alla vicepresidenza del Senato e presidente del premio nazionale Difesa Consumatori) e del presidente del tribunale di Cuneo Paolo Demarchi Albengo, che definisce Einaudi in tre parole -«antifascista, europeista, carrucese», pur sottolineando come Einaudi sia un cuneese a tutto tondo, e quindi non vada tirato per la “giacchetta” fra un centro e l’altro.

Infine, i riconoscimenti. Il Comune consegna a Maria Elisabetta Alberti Casellati il premio Einaudi (una moneta d'oro con la sua effigie), l’avvocato Ghisolfi (consulente giuridico alla vicepresidenza del Senato e presidente del premio nazionale Difesa Consumatori) il premio “Difesa Consumatori 2019”.

Il pomeriggio si conclude, nel cortile del Municipio, con un brindisi fra la Presidente Casellati ed il sindaco Stefania Ieriti e la foto di gruppo. Ministro, primi cittadini, amministratori del territorio, tutti insieme.

 

SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK VIDEO E FOTO DELLA VISITA DELLA PRESIDENTE CASELLATI.

 

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
visita presidente senato carrù inaugurazione einaudi
Articolo scritto da:
m.g.
Langa
2019-10-10
condividi
Fiera del Bue Grasso di Carrù: ora il programma è ufficiale
Durerà quattro giorni: giovedì 12 la premiazione delle varie categorie, domenica 15 i buoi

CARRÙ - Sarà una Fiera del Bue Grasso “extralarge”, con gli eventi spalmati su quattro giorni. Una rivoluzione, già annunciata alcuni mesi fa. Ora con l’avvicinarsi di dicembre, però, il Comune di Carrù ha diramato il programma ufficiale dell’evento.

 Il programma ufficiale

Si comincia giovedì 12 dicembre, giornata di Fiera con bancarelle, esposizione di macchine ed attrezzature agricole. Dalle ore 9, in piazza Mercato, l’esposizione di buoi fuori concorso e dei capi delle categorie manzi, vitelli/e, vitelloni, tori e vacche grasse: alle 11 le premiazioni all’interno del “Bue Stadium”. Sempre dalle 9, in piazza Divisione Alpina Cuneense (sede del Palafiera), la prima giornata di “Bollito no stop” (20 euro, senza prenotazione, fino ad esaurimento scorte).

Venerdì, 13 dicembre, al mattino, al Teatro Vacchetti, alle ore 10.30, la giornata di studi sulla carne piemontese pensata per gli studenti, a cura del Centro Studi Unesco di Torino. La sera, sempre al Teatro Vacchetti, alle 21, la consegna del Bue d’oro.

Sabato 14 dicembre, ecco tornare protagonisti i buoi in carne ed ossa: alle 10.30 all’Ala Borsarelli in piazza Mercato, la 14esima edizione dell’Asta Mondiale del Bue Grasso; alle 13 il pranzo Gran galà del bollito (a cura della Pro Loco).

Domenica 15 dicembre il gran finale. Tornano le bancarelle e gli espositori per le vie del paese e torna il “Bollito no stop”, dalle ore 9. Ma soprattutto si eleggono i re della Fiera. Dalle 9 l’esposizione dei buoi in Piazza Mercato, alle 11 la premiazione. La vera novità è il premio “Best in show”: una sorta di “vincitore assoluto” che verrà scelto fra i tre vincitori delle categorie buoi grassi della coscia, nostrani e migliorati.

 

I pranzi e le cene che anticipano l’evento

Come tradizione, la Pro Loco propone una serie di eventi mangerecci che accompagnano alla Fiera. Domenica 24 novembre e domenica 1° dicembre, alle 13, i pranzi Gran Galà del Bollito (a 35 euro); mercoledì 4 dicembre alle 20 la cena bourguignonne (30 euro); domenica 8 dicembre il pranzo delle eccellenze. Per prenotazione e info eventi gastronomici: Alessandra 335/6883703 info@prolococarru.it.

 

 

 

 

 

 
Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
fiera bue grasso carrù programma ufficiale
SOCIAL
IL FONDO
A volte (poche) si riesce a capire quanto la Storia corra veloce. Nell’agosto 2014, in vacanza in Turchia, chiedevo ad alcuni ristoratori ed ...