Cerca
Mondovì
2019-11-13
condividi
PROVINCIA E' IN EDICOLA,

A CASA PER GLI ABBONATI

QUI LA PRIMA PAGINA

 

 

Mondovì
2019-11-13
condividi
Nella foto, Martinetti, Bruno, Adriano e Garelli
Arte Atelier cambia faccia: largo ai giovani

Punto di aggregazione dei liceali

MONDOVI’ - "Arte Atelier" raddoppia e si apre ad una piccola rivoluzione culturale in nome dei giovani. A Sergio Bruno, che conferma la sua presenza, si affiancano Alberto Martinetti e Filippo Garelli. Il primo è l’ex rappresentante del comitato d’Istituto dei Licei Vasco – Beccaria – Govone e ideatore del gemellaggio, il secondo l’attuale rappresentante in carica. «Largo ai giovani - sostiene Sergio Bruno - il futuro è loro e sono loro a dover diventare culturalmente e artisticamente protagonisti. Un ringiovanimento necessario perché è giusto offrire ai ragazzi la possibilità di incontrarsi in un luogo che è da sempre fondamentale per gli alunni». «L’atelier costituisce da più di due anni la sede in cui i rappresentanti del nostro Istituto si riuniscono, incontrando gli alunni e svolgendo attività di diverso tipo in preparazione ai vari eventi scolastici – spiega Alberto Martinetti –. La sua posizione, invia Vico 2/b, è estremamente comoda in quanto si affaccia sulla strada che ogni giorno fa da crocevia di centinaia di studenti. Questo è il motivo principale che spinge a credere in un futuro ambizioso per l’Atelier. Ci impegneremo a creare una realtà in cui ogni studente potrà sentirsi il benvenuto e potrà attendere, in compagnia degli amici, l’arrivo del pullman, specialmente in quei giorni in cui, causa uscite anticipate o ritardi dei mezzi, l’attesa può diventare anche di due ore. Una realtà che farà da sfondo a pomeriggi di studio, di incontri, di ripetizioni impartite dagli alunni più capaci a quelli più in difficoltà, di dibattiti e di confronti circa le iniziative scolastiche e non». «Un esperimento – conclude Bruno  - che è stato avallato dal sindaco Paolo Adriano che ringraziamo».

 

Artatelier Mondovì giovani arte
SOCIAL
IL FONDO
  Chi ne sa molto più di me sostiene che non sono i social, internet, il web a costituire un problema, ma le persone che si avv...