Cerca
Mondovì
2019-07-19
condividi
Foto Giulia Cannizzaro
Vbc Mondovì: Matteo Pistolesi è il nuovo capitano!
Fenoglio ha 'promosso' il vice dell’anno scorso: «Ha grandi qualità umane»

Dopo aver completato il proprio roster e aver assegnato tutti i numeri di maglia, il Vbc Synergy Mondovì comunica il nome del nuovo capitano: i gradi nello spogliatoio, dopo la partenza di Morelli, sono stati presi da Matteo Pistolesi. “Pisto”, soprannominato anche “Coccoman”, è stato scelto da coach Fenoglio. «Gli ho parlato la settimana scorsa – le parole dell’allenatore -, ho avuto modo di apprezzarlo nella stagione passata, merita questo riconoscimento per l’esempio che dà a tutti sotto l’aspetto tecnico e umano». 

«L’investitura del mister mi ha fatto molto piacere – le prime parole del nuovo capitano -, il fatto che per lui meriti questo grado rappresenta un grande attestato di stima per me. Sarà una grande responsabilità, soprattutto verso chi è nuovo. È la prima volta che mi viene assegnata in carriera, e sono contento. Essere capitano in un anno importante, con un campionato così livellato verso l’alto, è un motivo di orgoglio in più. Non vedo l’ora di cominciare e ritrovare i vecchi compagni, oltre a conoscere i nuovi: dovremo essere bravi ad integrarli subito e a trasmettere loro la voglia di rivincita che ci è rimasta addosso dopo l’eliminazione ai play-off dell’anno scorso».

Dopo la crescita nelle giovanili del Piemonte Volley, la parentesi a Siena e le esperienze in SuperLega a Latina e Ravenna, dunque, Matteo diventerà una colonna portante del Vbc Synergy Mondovì, al suo secondo anno sotto il Belvedere. «Per me si tratta di un’esperienza nuova, spero di essere all’altezza, mi metto a disposizione di staff e compagni per fare tutti insieme una grande stagione» ha concluso “Pisto”.

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
pistolesi capitano nuovo vbc fenoglio
Mondovì
2019-07-18
condividi
La monregalese Lorenza Castella al Sestrière Film Festival
Da sei anni vive in Germania e ha girato quattro documentari sul Piemonte

MONDOVÌ – Attraverso una cinepresa racconta l’Italia delle sue origini. Di esse va orgogliosa, ma nessuna nostalgia: Lorenza Castella, trentenne monregalese, ormai vive e lavora a Colonia, e in Germania intende rimanere. Lavora alla Florianfilm GmbH, che l’ha assunta quando non aveva alcuna esperienza in campo cinematografico, con un contratto a tempo indeterminato. Lorenza è l’autrice e coregista del film documentario sul Piemonte che verrà proiettato il 7 agosto al Sestriere Film Festival. Un palcoscenico niente male per una ragazza che dieci anni fa detestava il tedesco e sognava di insegnare Filosofia nelle scuole. Ci ha raccontato la sua storia in una chiacchierata al telefono.

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
lorenza castella regista documentari piemonte montagna sestriere
Articolo scritto da:
m.ber
SOCIAL
IL FONDO
Ammetto la mia ignoranza. Non sapevo, fino a quando non ho letto l’intervista al ministro Bongiorno su Repubblica.it. Non conoscevo un partic...