Cerca
Monregalese
2020-01-18
condividi
il coach Augusto Griseri con le biancorosse Roatta e Gallo
Tutto pronto per la festa dell'atletica cuneese
Premi speciali per i fratelli Griseri

Oggi (sabato 18 gennaio) alle 15.30 si terrà la festa dell’atletica cuneese, organizzata dal Comitato provinciale della Fidal nella Sala San Giovanni a Cuneo. Tra i premiati anche i fratelli frabosani Augusto Griseri (Atl. Mondovì) per “la passione per lo sport e per l’atletica, lo spirito di sacrificio, uniti alla voglia di mettersi al servizio dei giovani, di lavorare con loro e di accompagnarli in ogni trasferta hanno contraddistinto il tuo percorso sportivo” e Fabrizio Griseri, giudice dell’anno, per lo “spirito di servizio e di collaborazione, preparazione, rapidità e serenità di giudizio, flessibilità, uniti alla capacità di relazionarsi”.

Saranno premiati tutti gli atleti che hanno vestito la maglia azzurra (compresa la campionessa mondiale di corsa in montagna Eufemia Magro), i campioni italiani anche Master e chi è salito sui podi tricolori (fino alle categorie Assolute), i campioni regionali fino alla categoria Juniores (tra cui Andrea Pace assoluto nel disco, la tripletta di Daniela Bruno Di Clarafond, campestre-montagna-strada, la doppietta montagna-trail di Josephine Lopez), quelli provinciali di tutte le categorie e specialità (bis di Pace, quattro quelli della Di Clarafond), il Grand Prix giovanile (per i biancorossi del Beila oro per Davide Rolfi e bronzo per Soraia Cillario nei Ragazzi; nei Cadetti argento per Elisa Gallo - davanti alla morozzese Anna Roccia - e bronzo per Filippo Curti) oltre al dirigente, all’atleta ed all’atleta rosa del 2019. Saranno inoltre premiate le migliori prestazioni Allieve/i, Juniores e Promesse e sarà consegnato un riconoscimento a tutte le società affiliate...

Ulteriori particolari sull'edizione cartacea
atletica festa cuneese Fidal premiazioni stagione 2019 Griseri Augusto Fabrizio Pam Valtanaro Sprint Mondovì
Articolo scritto da:
p.cam
Monregalese
2020-01-18
condividi
PH CREDITS LEONARDO CALISTRI
Loris Pintarelli e Federica Toni

i campioni sugli ostacoli di Inferno Snow

In gara anche l’ex cestista della Nazionale Italiana Susanna Bonfiglio

PRATONEVOSO - Sono stati 600 i temerari obstacle runner, provenienti da tutta Italia, che hanno sfidato la neve nella prima tappa di Inferno Series, il diabolico circuito di corse a ostacoli partito con Inferno Snow. Nella bellissima giornata alla stazione sciistica Prato Nevoso Ski, in provincia di Cuneo, il 27enne trentino Loris Pintarelli (Inferno Team), con il tempo di 43’06’’, e la 30enne pisana Federica Toni (OCR Bear Team), in 1h04’43’’, sono stati i più veloci a tagliare il traguardo della 7 km disseminata di oltre 20 ostacoli, con 200 m di dislivello complessivo.

Tra gli uomini, secondo gradino del podio per Ilario Cerrato (DAS Team OCR) in 45’18’’, seguito da Andrea Riva (Aspis ASD) in 46’01’’, mentre tra le donne medaglia d’argento per Beatrice Favini (Ninja Cave) in 1h06’18’’, che si è imposta su Sarah Natali (OCR Team Italy) in 1h08’25’’. Tra i partecipanti open si è lanciata con determinazione in questa nuova esperienza outdoor anche la savonese Susanna Bonfiglio, ex cestista della Nazionale Italiana, con cui ha vinto nel 1995 l’oro alle Universiadi e l’argento all’Europeo, playmaker-guardia professionista in WNBA con le Phoenix Mercury e in Serie A1.

 Sulle innevate Alpi Marittime del Piemonte, a 1500 m slm, la gara di apertura della stagione OCR 2020 ha visto tutti i partecipanti mettere alla prova, dopo la partenza in salita dalla conca, forza, velocità, agilità e resistenza per superare gli ostacoli naturali e artificiali dai nomi di ispirazione dantesca, come Lucifero, Caronte e Cerbero. Per loro muri di neve, funi in equilibrio e una rampa di ghiaccio da risalire, ma anche tratti di manto bianco in cui strisciare, pesi da trasportare e strutture in sospensione da attraversare appendendosi a pioli e anelli.

 Per i numerosi atleti competitivi Inferno Snow è stata anche la prima competizione del Campionato Regionale promosso dalla Federazione Italiana OCR con l’attribuzione delle qualifiche ai Campionati Europei OCR, in programma in Val di Fiemme dall’11 al 14 giugno. Per i partecipanti open, come sempre, una divertente sfida con se stessi per affrontare i propri limiti col sorriso, dando e ricevendo sostegno lungo il percorso.

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

Una gara bellissima, durissima ma molto divertente – dichiara il vincitore trentino Loris Pintarelli - Vengo dall’atletica leggera, specialità mezzofondo, e dopo aver conosciuto solo un anno fa questa disciplina emergente mi sono subito appassionato, conquistando anche un importante sesto posto Age Group agli Europei 2019 in Polonia”.  “Mi sono avvicinata all’obstacle racing da un anno e mezzo – racconta la vincitrice pisana Federica Toni – Il mio passato agonistico nella ginnastica artistica è un notevole punto di forza nel superamento degli ostacoli, mentre soprattutto oggi è stata la corsa sulla neve con questo dislivello a rappresentare per me la vera difficoltà”. “Successo confermato anche nella sua edizione winter per Inferno – dichiara Mauro Leoni, organizzatore di Inferno Snow – L’obstacle racing, praticabile su qualsiasi tipologia di tracciato e ambientazione, rappresenta ormai un movimento sportivo dalla crescita costante: in tutte le competizioni italiane sono stati circa 50mila gli appassionati coinvolti solo nel 2019”.

L’Inferno Snow – sottolinea Alberto Oliva, amministratore di Prato Nevoso Ski – è diventata ormai uno degli eventi più importanti della nostra stazione, che ospitiamo con grande orgoglio. Grazie agli organizzatori e ai tanti che si mettono in gioco in questo percorso diabolico".

 IL PROSSIMO APPUNTAMENTO: INFERNO WATER

Sabato 9 maggio l’Idroscalo di Milano accoglierà Inferno Water, tappa del Campionato Italiano OCR, con la partnership di Gruppo CAP, il gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano. Nel tempio dello sport outdoor il tracciato di 8 km con 25 ostacoli avrà come protagonista l’acqua, anche con brevi tratti a nuoto e un tuffo mozzafiato di 3 metri dal ponte. L’appuntamento sarà aperto anche i piccoli mudder dai 4 ai 12 anni con Inferno Kids, che sostiene con il proprio ricavato progetti di solidarietà rivolti all’infanzia e ai giovani. 

 IL GRAN FINALE DEL CIRCUITO: INFERNO MUD

Sabato 3 e domenica 4 ottobre si celebrerà in Toscana, a Figline Valdarno, in provincia di Firenze, il gran finale del Campionato Italiano OCR con Inferno Mud. Tra i vigneti e le colline del Chianti, il Norcenni Girasole Village ospiterà la tradizionale edizione fangosa su 12 km con 30 ostacoli. Domenica 4 ottobre si terranno Inferno Kids e la Short Course di 5 km e 20 ostacoli. 

 

Pratonevoso InfernoSnow Run
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
SOCIAL
IL FONDO
“Che bella Mondovì piena di gente per le mongolfiere: ha volato alto, sulla scopa di una Befana che ha portato, nella calza, turisti e...