MENU

RUBRICA

Dopo il Foehn ecco la neve che ritorna, con l'equinozio di... primavera!

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Dopo il Foehn ecco la neve che ritorna, con l'equinozio di... primavera!

Già nello scorso anno avevamo avuto improvvisi rivolgimenti del tempo che fin dalla primavera  avevano segnato le scansioni delle stagioni fino a dicembre inoltrato. Cambi improvvisi tra calori degni del Global Warming e improvvise ricadute, brevi ma intense, in congiunture climatiche che ci ricordavano anni e stagioni di un passato ormai remoto. Così, nell'anno del Covid che un po' tutti credevamo relegato all'anno bisesto e quindi scalognato per antonomasia,  i mesi e le settimane li abbiamo trascorsi tra salotto di casa, appoggi alle finestre per contemplare paesaggi e uscite sui balconi man mano  più lunghe grazie al procedere primaverile. Con l'arrivo del 2021 speravamo che tutto dovesse finire ma -dopo la sciagurata estate del 2020- ci accorgiamo invece ormai di essere un po' come il protagonista di quell'istruttivo film intitolato “Il giorno della marmotta” che ogni mattina si risveglia nello stesso posto, sullo stesso letto con la stessa sveglia e con un procedere della vita quotidiana sempre e sempre uguale a se stesso. Fino a diventarne quasi  pazzo. Ma, verrebbe da dire, l'anno scorso almeno dalla neve l'avevamo scampata, a marzo. Non del tutto, perché dopo un fiocco sceso il giorno due, un altro dito di fiocca marzolina scese poi tra il 24 e il 26 con temperature minime appena appena sotto lo zero e massime di pochi gradi sopra. Quest'anno invece, questo marzo, questa settimana, questo venerdì, ci riservano una vera e propria incursione invernale che di neve al momento ne promette abbastanza da farci credere di essere tornati d'un colpo a quella santa Bibiana che ormai 105 giorni fa aveva iniziato alla grande l'inverno 2020-21. Come faccio a dire alla nostra Mirabelle de Nancy ormai tutta o quasi fiorita (in un tripudio che attira le api e che ogni anno ci ricorda il ciclo naturale) che tra giovedì sera e domenica mattina dovrà difendersi ai 705 metri di altitudine collinare -su cui domina ormai da 60 anni- dai geli che tornano ad insidiare i suoi fiori... Così come quelli dell'albicocco, ormai tutto apertosi di un rosa che occhieggiato di bianco,  come quelli del pesco ed i germogli delle rose così in ritardo e così vogliose di recuperare il tempo perduto... Era scritto nel modello europeo, ma speravamo che sbagliasse. Invece, dopo che la tempesta atlantica ci ha scosso con i suoi venti di Foehn via via più freschi dopo i tepori iniziali, ecco che attraverso la porta del Rodano è l'Artico che ritorna sul Mediterraneo in un copione che ci è arcinoto. L'aria gelida a contatto con le acque tiepide scatena quei cicloni sul Ligure che poi si scaricano sulla Granda. Già mercoledì disturbi, fiocchi sulle Cozie e più fresco, ma sarà da giovedì sera che prima il Savonese e poi la val Tanaro, il Monregalese e il Cuneese saranno investiti dai primi fiocchi in quota e qualche goccia gelata a valle. Sarà però Venerdì il clou dell'evento perturbato. I modelli sono al momento impietosi nel prevedere ore e ore di maltempo proprio sulle nostre zone che potrebbero portare neve fino a quote basse di 300 e forse meno metri, con le nevicate che si concentrano poi tra Cuneo  Mondovì e apporti al momento difficili da definire (ma tali da imbiancare il verde appena spuntato). Le temperature saranno in campagna appena sotto lo zero venerdì, ma con le massime di poco al di sopra, mentre scenderanno ancora nelle notti successive. Dopo qualche pausa le nevicate torneranno ancora nella notte con domenica ma sulle Alpi con qualche pioggia che si affaccia sulla piana. Una botta invernale che non ci voleva per le fioriture dei fruttiferi e per il nostro morale. Ma tant'è. Da mercoledì prossimo le temperature torneranno a formare quei 10 e più gradi di media che sono la cifra dell'inizio primavera. Intanto, già da sabato, sarà scattato l'equinozio, anche lui stupito- crediamo-di questa nuova neve.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl