MENU

Bancarotta fraudolenta nel Monregalese: un patteggiamento e quattro condanne

Facevano parte di una cooperativa che emetteva fatture per false consulenze

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Bancarotta fraudolenta nel Monregalese: un patteggiamento e quattro condanne

MONDOVì - Una “testa di legno” messo a capo di una cooperativa che emetteva fatture da decine di migliaia di euro per false consulenze e quattro monregalesi, residenti fra Mondovì, Piozzo e Carrù, che avevano frodato quasi un milione e 200mila euro al fisco sono stati condannati per bancarotta fraudolenta dal tribunale collegiale di Cuneo. A.G., il primo, pugliese, ha patteggiato. Gli altri, A.A., fondatore di cooperativa Lavoro arl, con S.D., dipendente e socio sono stati condannati  a quattro anni di reclusione,  L. B., amministratore unico di Granda Lavoro e E.V., amministratrice di cooperativa Lavoro fino al 2013, a quattro anni. Dovranno inoltre pagare  una provvisionale di 200mila euro oltre al risarcimento che sarà quantificato in sede civile. A.G. era a capo della società cooperativa Consulcoop, la cui sede di trovava all’interno di quella della cooperativa Lavoro di Piozzo. Era inoltre l’amministratore di un’impresa individuale e di un’associazione sportiva dilettantistica del Foggiano, beneficiaria di importanti sponsorizzazioni. “La Consulcoop era stata creata per consentire alla cooperativa Lavoro di abbattere l’imponibile”, ha spiegato l’avvocato Roberto Tesio per l’Erario, parte civile nel processo. “In questo modo A. A. e agli altri risultavano essere  dipendenti e potevano di prelevare somme di denaro con carte intestate alla società”.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl