MENU

Academia Montis Regalis: “concerto da brivido” in ricordo dell’ingegner Battaglia

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Academia Montis Regalis: “concerto da brivido” in ricordo dell’ingegner Battaglia

L'Academia nel concerto in ricordo del presidente Battaglia

Riceviamo e pubblichiamo.

Il concerto conclusivo del XXVIII corso di Formazione Orchestrale Barocca e Classica, tenutosi sabato 10 luglio a Mondovì Piazza nell’ambito del “Festival dei Saraceni”, è stato dedicato alla memoria dell’Ing. Carlo Giuseppe Battaglia, fondatore e presidente per lunghissimi anni dell’Academia Montis Regalis. Dopo l’introduzione del maestro Fornero, è stato il maestro Laurentis a ricordare, con profonda riconoscenza, la ricchezza di sfaccettature della personalità dell’Ingegnere, dal mecenatismo alla Fede, sostenuta dalla filosofia di Theilhard de Chardin; ispirato al filosofo francese è anche l’impegnativo poemetto dello stesso Laurentis, Involuzione ontologica, che il maestro ha voluto allegare al programma di sala.

Ed è stato proprio il concerto dei Giovani dell’Academia, trascinati dal perentorio archetto del maestro Enrico Onofri, direttore principale dell’Academia, il miglior omaggio possibile all’Ing. Battaglia: un concerto da brivido, su musiche di Vivaldi e Geminiani, significativamente intitolato “Il virtuosismo orchestrale nel tardo barocco italiano”. I concerti di Vivaldi eseguiti, due per quattro violini e uno per archi, infatti, richiedevano che l’orchestra fosse un unico strumento dalle molte voci, cioè che l’affiatamento, la sintonia, la fusione dei musicisti fosse perfetta, senza la minima sbavatura, e così è stato: ciascuno dei quattordici musicisti era di fatto un solista, il cui virtuosismo si intrecciava con quello degli altri, lo potenziava e ne era accresciuto. La musica di Vivaldi si è così dispiegata in tutta la sua variegata tavolozza di affetti, dalla sfrenatezza alla delicatezza, dalla disperazione alla preghiera allo stordimento: ci ha spalancato le porte di un altro mondo, invitandoci a dimenticarci di noi stessi, per poi richiamarci a meditare sulla nostra "finitudine".

Anche nei due concerti grossi di Geminiani l’orchestra ha dimostrato il suo straordinario virtuosismo scatenandosi in ritmi sempre più veloci e vorticosi e sprizzando energia da tutti i pori, per  concludere poi con una sfavillante gavotta di Corelli, il maestro di Geminiani, concessa come bis.

Gabriella Mongardi

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl