MENU

Giorno della Memoria e Giorno del Ricordo: il programma delle celebrazioni. Targhette commemorative per Bernardo Manassero, Adolfo Vietto e Carlo Foglio

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Giorno della Memoria e Giorno del Ricordo: il programma delle celebrazioni. Targhette commemorative per Bernardo Manassero, Adolfo Vietto e Carlo Foglio

Porteranno i nomi di Bernardo Manassero, Adolfo Vietto e Carlo Foglio le tre targhette della memoria che la Città di Mondovì poserà giovedì 27 gennaio e giovedì 10 febbraio, nell’ambito delle iniziative organizzate per celebrare la "Giornata della Memoria" ed il "Giorno del Ricordo". Tre mattonelle incastonate per terra, per dire che Mondovì non dimentica le sue vittime, non scorda quell’orrore. «La Giornata della Memoria e il Giorno del Ricordo – afferma il sindaco Paolo Adriano – richiamano le pagine più buie della storia d’Italia e d’Europa. Pagine che colpiscono la nostra coscienza e che abbiamo il dovere di scolpire nella mente. Il 27 gennaio 1945, con l’apertura dei cancelli di Auschwitz, il mondo scopriva l’orrore dei campi di concentramento e di sterminio. Il 10 febbraio 1947 l’Istria e gran parte della Venezia Giulia venivano assegnate alla Jugoslavia: una data divenuta simbolo dei massacri delle Foibe, dell’esodo degli istriani, dei friulani e dei dalmati italiani e della complessa vicenda del confine orientale. L’esito funesto dell’odio che attraversò l’Europa ci sia da monito contro l’indifferenza e l’intolleranza pericolosamente riaffioranti e ci esorti a vigilare sugli irrinunciabili traguardi raggiunti dalla nostra civiltà democratica e sui diritti inviolabili dell’uomo tutelati dalla Costituzione».

GIORNATA DELLA MEMORIA: ORE E DATE

Il programma delle iniziative organizzate per la Giornata della Memoria (giovedì 27 gennaio) inizia alle 8.45 con la deposizione di corona commemorativa presso la stele posta all’esterno del cimitero urbano. Seguiranno deposizioni di corone anche al Monumento “Morti per la Libertà” (ore 9 – Scalone dell’Altipiano) e al Monumento alla Shoah (ore 9,15 – scuola Media “Anna Frank”). Alle ore 9,45 e 10,15, posa delle targhette della memoria di Bernardo Manassero (via Soresi) e Adolfo Vietto (via Gallo) e alle 10.30 la posa della targa che traduce in inglese la poesia di Carlo Regis (“Mace ‘d sang”) sul sagrato della Chiesa della Missione, donata dal Leo Club Mondovì Monregalese.

Grazie alla collaborazione dell'Anpi monregalese e del suo presidente, Stefano Casarino, sarà pubblicato sulla pagina Facebook della Città e dei giornali cittadini il video di letture tratte dal romanzo di Elie Wiesel "La Notte". Analoga proposta digitale arriva anche dalle Associazioni culturali Gli Spigolatori e Geronimo Carbonò, che proporranno sui loro canali telematici la riflessione “Liber, perché conoscere è necessario”, documento video ambientato nel nuovo allestimento del Museo della Stampa di Mondovì nel quale si evidenzia il ruolo della parola scritta nella perpetuazione della tragedia dell’Olocausto. Letture e voce narrante di Ada Prucca, regia di Alessandro Ingaria.

I PROTAGONISTI

Grazie alle segnalazioni della “Onlus Cordero di Montezemolo”, Città di Mondovì prosegue nell'opera di posa delle targhette della memoria, quest’anno dedicate a Bernardo Manassero e Adolfo Vietto. Manassero, nato a Mondovì il 25 marzo 1914, fu deportato in Germania, dove morì il 19 settembre 1944. La targhetta in sua memoria sarà posata in via Soresi. Vietto, nato a Mondovì il 4 giugno 1924 fu deportato a Dortmund dove morì il 9 giugno 1944. La targhetta in sua memoria verrà posata in via Gallo. «La posa delle targhette della memoria – dichiara l’assessore all’Istruzione, Luca Robaldo – è un passo importante per la ricostruzione della memoria condivisa di quei momenti terribili».

IL GIORNO DEL RICORDO

Giovedì 10 febbraio si svolgeranno, invece, le celebrazioni per il "Giorno del Ricordo", che cominceranno alle ore 11.30 con la deposizione di corona presso i giardini della stazione ferroviaria di Mondovì Altipiano. Alle ore 11,45, in vicolo del Teatro a Breo, la posa della targhetta della memoria intitolata al finanziere Carlo Foglio, sempre grazie alla segnalazione della "Cordero di Montezemolo”. Foglio, nato a Mondovì il 4 aprile 1903, fu deportato a Borovnica dove morì il 14 luglio 1945. La targhetta in sua memoria sarà posata in vicolo del Teatro.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl