MENU

L'ultimo saluto al tempo del Coronavirus

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
tempio magliano alpi

Morire soli. È questa una delle più tristi conseguenze di quella che è diventata una pandemia. Chi vede ogni giorno il dramma delle famiglie che, sole, piangono i loro cari sono le imprese funebri, che oltre alle nuove misure da adottare nell’accogliere le persone che non ci sono più hanno visto trasformare radicalmente il loro ruolo di conforto nei confronti di chi affronta un lutto. “Sembra venuta a mancare la possibilità di dare il giusto valore alla pietas mortis – dice Piergiuseppe Costantino, contitolare di un’agenzia a Cuneo e consigliere dell’Apiof, Associazione piemontese imprese onoranze funebri - , la cerimonia del funerale è stravolta, surreale e viene a mancare anche il ruolo sociale che svolgiamo noi, i sacerdoti, gli amici”. In queste settimane i funerali in chiesa sono vietati, è ammessa la sola benedizione della salma al cimitero in forma privata o cremazione. Le agenzia funebri, oltre 300 in Piemonte, sono le realtà più vicine ai morti in queste settimane, anche loro protetti da mascherine, guanti, camici. Materiale che, anche per loro, inizia a mancare. Spesso hanno difficoltà a trovare i medici per le pratiche burocratiche post mortem, e sono loro, se la persona deceduta è positiva al Covid-19, a comporre la salma con gli indumenti che indossava nel momento della morte. Resta possibile la normale sepoltura nelle tombe di famiglia. Anche se è aumentata la richiesta delle cremazioni. “Non per ragioni igienico sanitarie – dicono dal Tempio Crematorio di Magliano Alpi - , molte famiglie si rivolgono a noi anche da fuori regione, in Lombardia l’80% delle persone sceglie il rito della cremazione, e con l’aumento della mortalità aumentano anche le richieste”. Al Tempio funziona come in chiesa “la famiglia ora non può celebrare come vorrebbe i suoi cari, ed oltre al lutto deve rinunciare all’ultimo saluto”.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl