MENU

MONREGALESE

“Il Governo tuteli le piccole attività dei paesi montani”

Il sindaco di Roburent Giulia Negri scrive ai ministri di Economia, sviluppo economico e turismo

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
“Il Governo tuteli le piccole attività dei paesi montani”

Dopo essersi rivolta al Ministro della Salute Roberto Speranza, il sindaco di Roburent Giulia Negri ha inoltrato una lettera a tre altri ministri, quello di Economia e finanza Roberto Gualtieri, quello del turismo e dello spettacolo Dario Franceschini e quello dello sviluppo economico Stefano Patuanelli.

Nel documento, dai toni decisamente più concilianti, il sindaco chiede di mettere in atto tutte le misure necessarie per il rilancio dell’economia e per lo studio di eventuali provvedimenti e agevolazioni atti a sostenere le attività artigianali e commerciali dei piccoli paesi di montagna costrette a chiudere, con aiuti economici concreti che possano garantire liquidità alle famiglie che, non appena l’emergenza sarà cessata, riapriranno i loro presidi territoriali.

“Amministro un piccolo comune di montagna – scrive la Negri -, che vive di turismo, che ha sviluppato e mantenuto una serie di attività artigianali e commerciali. Si tratta di piccole attività, a conduzione famigliare, che si tramandano, di generazione in generazione, e che tutte insieme costituiscono presidio di mantenimento territoriale per le nostre valli. Se la chiusura forzata si protrarrà oltre un certo limite di tempo, il rischio concreto è quello che parte delle attività non potrà più riaprire a causa di mancanza di liquidità.

Si parla tanto, ultimamente, di rilancio della montagna. Le conseguenze della mancata riapertura delle attività potrebbero essere, per noi, catastrofiche. Verrebbe a mancare quello che è il tessuto socio-economico che tiene in piedi queste valli e che ne ha evitato lo spopolamento.

Eppure, proprio in questo momento di emergenza, si è riscoperta l’importanza di poter godere di esercizi commerciali aperti nel proprio paese e che garantiscono l’autonomia dei piccoli agglomerati urbani, contribuendo a limitare la circolazione delle persone verso i grandi centri contrastando la diffusione del virus. In montagna, grazie agli abitanti del territorio, si riescono ancora a mantenere e tramandare le tradizioni e le consuetudini del passato che, altrimenti, andrebbero perse perché uniche e specifiche dei territori. Tanto che la salvaguardia delle zone montane riveste carattere di interesse nazionale nella nostra Costituzione”.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl