MENU

MONREGALESE

Vicoforte: la Provincia approva il progetto definitivo per l’incrocio in località Olle

Il consigliere Pietro Danna: «Entro fine anno l’appalto»

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Vicoforte: la Provincia approva il progetto definitivo per l’incrocio in località Olle

VICOFORTE/SAN MICHELE MONDOVÌ – La Provincia di Cuneo ha approvato il progetto definitivo per la messa in sicurezza dell’incrocio alle Olle, intervento inserito nel cronoprogramma delle opere pubbliche approvato dall’ente. Esso è stato predisposto dal settore Viabilità – Ufficio Progettazione del Reparto di Mondovì, e prevede una spesa complessiva pari a 300.000 euro.

Il progetto si prefigge l’obiettivo di mettere in sicurezza il bivio fra la statale 28 e la provinciale 221 in località Olle di Vicoforte. Come si era chiarito nei mesi scorsi, nessuna rotatoria: valutati diversi approcci progettuali, è stata individuata quale soluzione più idonea la ridefinizione geometrica dell’intersezione stradale mediante ottimizzazione dei raggi di curvatura orizzontali dei vari tratti stradali e adeguamento delle dimensioni trasversali degli stessi alla normativa vigente, nonché il potenziamento dell’accesso all’area industriale limitrofa.

Le opere in progetto interessano in parte il sedime stradale e in parte terreni privati: è stato pertanto necessario avviare il procedimento espropriativo.

Nei mesi scorsi il Comune di Vicoforte ha dichiarato che il disegno della proposta progettuale di adeguamento dell’incrocio verrà inserito nella variante parziale del P.R.G.C. in corso di predisposizione. Considerata la segnalazione di recenti ritrovamenti in area prossima a quella dell’intervento, sarà attivata la procedura di verifica archeologica.

«Con l’approvazione del progetto definitivo, con riferimento al quale ringrazio gli uffici e la mia collega Molinari per il lavoro svolto – dichiara il consigliere Pietro Danna -, si compie un importante passo in avanti per la realizzazione dell’intervento di messa in sicurezza dell’incrocio in località Olle a Vicoforte: l’opera è infatti attesa da tempo dalle Amministrazioni del territorio, e riveste, pertanto, carattere prioritario. Il prossimo step dell’iter amministrativo sarà richiedere le necessarie autorizzazioni, legate, ad esempio, al permesso di costruire ed ai vincoli idrogeologici e paesaggistici, per poi addivenire, entro l’anno, alla progettazione esecutiva ed alla gara d’appalto».

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl