MENU

MONREGALESE

Colpo di scena: manca il numero legale, slitta la presa d’atto del recesso di Pamparato dall’Unione Valli Monregalesi

Il presidente Taravello non ha potuto far altro che rinviare la seduta

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Colpo di scena: manca il numero legale, slitta la presa d’atto del recesso di Pamparato dall’Unione Valli Monregalesi

Una mossa “ostruzionistica” complica i piani di Pamparato. Mercoledì sera, nella sede di Torre Piazza, si sarebbe dovuto svolgere il Consiglio dell’Unione Montana Valli Monregalesi, per la presa d’atto del recesso del Comune di Pamparato. Borgna aveva annunciato la volontà di costituire un nuovo ente a due con Garessio, e analoga presa d’atto era arrivata dall’Unione Alta Val Tanaro nei giorni scorsi per la decisione di Fazio. Ma il Consiglio non si è potuto tenere, in quanto mancava il numero legale: erano assenti 9 consiglieri su 15 (i tre rappresentanti di Roburent e Monastero, un consigliere a testa per Torre e Montaldo e il consigliere di minoranza a Pamparato Chinea, da sempre in disaccordo con la scelta di uscire dall’Unione). Il presidente Taravello, così, non ha potuto far altro che rinviare la seduta a data da destinarsi. Una mossa che rallenta l’iter per l’uscita di Pamparato, e che sicuramente non avrà fatto piacere al sindaco Borgna.

All’ordine del giorno c’era anche la ricognizione periodica delle partecipate: un adempimento da effettuare entro la fine dell’anno e che invece slitterà alla prima riunione del 2021. L’Unione, per questo, rischia di vedersi comminare una sanzione amministrativa.

 

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl