MENU

A Castelletto Stura consiglio comunale con un unico punto all'ordine del giorno: il progetto di razionalizzazione delle acque della Bealera Maestra

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
A Castelletto Stura consiglio comunale con un unico punto all'ordine del giorno: il progetto di razionalizzazione delle acque della Bealera Maestra

Seduta straordinaria del consiglio comunale di Castelletto Stura, giovedì 22 ottobre, con un unico punto all’ordine del giorno: il progetto di razionalizzazione delle acque della bealera maestra che coinvolge un ampio territorio, da Castelletto Stura fino a Lequio Tanaro e Cherasco, e i cui lavori del primo lotto partiranno all’inizio del 2021 proprio da Castelletto Stura. Un progetto al quale il consorzio irriguo sta lavorando da circa 20 anni, allo scopo di risolvere i problemi causati da una sempre crescente siccità soprattutto a danno del comparto agricolo. Un progetto che è però anche al centro di una querelle, avviata da alcuni proprietari di terreni interessati dai lavori nel territorio di Castelletto, finita sui tavoli del ministero all’agricoltura. A relazionare, sia sul progetto che in risposta alla querelle, c’era il sindaco di Bene Vagienna e presidente di bealera Maestra (ente che raggruppa 10 consorzi di secondo grado (fra i quali Canale Sarmassa) e deriva le acque irrigue all’altezza di Cuneo servendo quasi 10mila ettari della pianura cuneese da Montanera a Cherasco ndr), Claudio Ambrogio: “alcuni privati hanno chiesto al ministero di ritirare i finanziamenti ottenuti dal progetto, questo è ostruzionismo, e noi essendo stati legittimati dallo stesso dicastero a realizzare un'opera di indiscissa utilità pubblica siamo anche disposti a procedere per vie legali”. La lettera che annuncia le intenzioni del consorzio è stata recapitata ai diretti interessati all’inizio di questa settimana, suscitando non poca preoccupazione, da qui il motivo della convocazione della seduta straordinaria del consiglio. Nel corso della seduta Ambrogio si è prestato a rispondere prima alle domande del Comune e poi a quelle presentate whatsapp da chi ha seguito la diretta streaming. Alle domande più tecniche verrà risposto inaltra sede.  “Spero che questa sia una prima di tante volte - ha detto Ambrogio in chiusura di consiglio - , grazie al comune di Castelletto Stura per l’ottimo clima di questa serata che è stata occasione per fare chiarezza. Per credere in progetti come questo a volte bisogna essere un po’ visionari, lo siamo stati, siamo stati i primi, ed abbiamo anche avuto un ribasso nei costi di realizzazione, che non servono a pagare il presidente ma a pagare gli indennizzi di un progetto utile a tutti, perciò se qualcuno dice al ministero di togliere finanziamenti che ci siamo meritati con un ottimo lavoro, non andiamo da nessuna parte”.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl