MENU

La buona notizia di Natale: la Don Peirone di Peveragno verso la libertà dal virus

Il "grazie" di sindaco a Comune a chi si è preso cura della piccola comunità di anziani

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
La buona notizia di Natale: la Don Peirone di Peveragno verso la libertà dal virus

"La situazione alla “don Peirone” è in deciso miglioramento, e dopo ben 50 giorni la crisi dovuta all’ingresso del covid nella nostra struttura si sta avviando verso la conclusione". Così il Comune di Peveragno ed il suo sindaco Poalo Renaudi hanno annunciato il primo importante regalo di questo Natale al paese. Nel messaggio pubblicato sui social non è mancato il ricordo a chi non c'è più: "per due persone la morte è stata dovuta proprio ai sintomi e agli effetti del coronavirus, mentre per altri anziani alle fatiche dovute alla lotta contro il virus si sono aggiunte le patologie pregresse e l’età avanzata, fragilità per cui non c’era rimedio. Ma purtroppo il risultato finale non è cambiato". La buona notizia riguarda gli ospiti che sono tornati negativi. La struttura va verso la "libertà dal covid" in seguito alla quale "si potrà finalmente programmare il graduale ritorno alla normalità della nostra piccola comunità di anziani". Un risultato che dipende da un lavoro di squadra perciò: "è doveroso ringraziare un po’ di gente: il Funzionario Responsabile Germana Dutto, che ha seguito e gestito la crisi con tenacia e determinazione; il dottor Giovanni Milano, direttore sanitario, i responsabili operativi della cooperativa Punto Service che coordinano la struttura, i medici di famiglia, e soprattutto il personale (infermieri, OSS e tutte le figure professionali sia comunali che della cooperativa) che con grandi sacrifici, con turni massacranti e sfidando la paura del contagio hanno tenuto in piedi il servizio per i nostri cari ospiti, senza fare mancare loro mai nulla". "Un ringraziamento speciale va anche a tutte le persone che a titolo di puro volontariato ci hanno aiutati, lavorando in cucina, in lavanderia, o comunque dando assistenza alla struttura. Persone speciali che hanno dato tanto senza chiedere nulla in cambio, che non elogeremo e ringrazieremo mai abbastanza". "A qualcuno forse non piacerà il termine, ma noi pensiamo che sia comunque stato compiuto un piccolo miracolo, un miracolo civile di cui i protagonisti devono essere orgogliosi. Grazie a tutti a nome dell’Amministrazione Comunale e della comunità peveragnese".

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl