MENU

Addio ad Ugo Boccacci, geometra e prestigioso politico della terra cuneese

Il ricordo di Uncem: "un pilastro, maestro e anticipatore"

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Addio ad Ugo Boccacci, geometra e prestigioso politico della terra cuneese

Un tumore la causa della morte del geometra Ugo Boccacci, figura di spicco nella politica cuneese e della sua Peveragno dove si trasferì con la famiglia da Serra San Quirico (Ancona) quando era bambino. Aveva 74 anni, è morto stamane (19 marzo) all’ospedale Santa Croce di Cuneo dove era ricoverato da qualche tempo. Diplomato geometra all’istituto Baruffi di Mondovì prima della carriera professionale e politica fu calciatore militante in diverse società del territorio in campionati regionali: Peveragno, Boves, Busca e Virtus Carassone. Geometra libero professionista entrò in politica nel 1975, prima consigliere poi assessore nella giunta di Luigi Massa per dieci anni. Cinque anni dopo divenne  consigliere comunale a Roaschia, fu riconfermato per sei mandati consecutivi. Fu anche Presidente della Comunità montana valli Gesso, Vermenagna e Pesio, consigliere provinciale ed ai vertici del Gruppo di Azione locale. "Ugo è stato una colonna di Uncem - ricordano il Presidente regionale Roberto Colombero, con il Presidente nazionale Marco Bussone ed il Presidente onorario Lido Riba - . Ha avuto ruoli nell'organizzazione regionale e nazionale, nella Giunta e nel Consiglio. In decenni di militanza e azione, Ugo ha condotto percorsi di sviluppo locale, aprendo strade che oggi sono ancora percorse. Nel Gal come nella Comunità montana ha avviato preziosi progetti per garantire crescita, inclusione, diritti di cittadinanza. Era sempre stato molto critico verso la soppressione delle Comunità montane e a Peveragno ha sempre condotto iniziative e interventi con grande rispetto per chi aveva visioni diverse dalle sue. In questo, ma in particolare nell'aver creduto in Enri montani capaci di garantire sviluppo economico locale, Ugo Boccacci è stato maestro e anticipatore". Lascia la moglie Mirella i figli Paolo e Alberto e i nipoti.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl