MENU

Taglio del nastro della Fiera Nazionale del cappone di Morozzo con Carlin Petrini che ha consegnato il "Cappone d'Oro" a Giovanni Quaglia

Presenti anche il Governatore del Piemonte Cirio, i senatori Bergesio, Perosino e Taricco e il presidente della Provincia Borgna

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:

Quella del 12 dicembre 2021 sarà una data storica per il territorio di Morozzo e per le terre del Consorzio di Tutela del Cappone. E' il giorno in cui il presidente della Regioe Piemonte Alberto Cirio ha annunciato la possibilità di portare avanti il progetto di realizzare un polo di lavorazione, in tutti i passaggi della filiera, per il settore avicolo. "E' stata una mattinata emozionante - ha detto il sindaco Mauro Fissore - cui Carlin Petrini patron di Slow Food ha dato un valore aggiunto. Da questo palco lui ha lanciato un appello, quello di sostenere l'economia agricola l'unica cui ancora oggi il prezzo lo decide la grande distribuzione". Quando Petrini istituì il presidio Slow Food  per il cappone, in fiera ce n'erano pochi. Quest'anno, nonostante le difficoltà e il fatto che non sia un allevamento di resa ma di nicchia, di capponi ne sono stati allevati 4000 nelle terre del Consorzio, e sono già tutti venduti. Sul palco sono state spese parole importanti di sostegno e tutela del settore agricolo anche dai senatori Bergesio, Perosino e Taricco, dal presidente della Fondazione Crt Giovanni Quaglia, cui è stato assegnato il Cappone d'Oro, dal presidente della Provincia Federico Borgna e dal presidente Atl Mauro Bernardi.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl