MENU

SPORT

Il CONI ferma tutti gli sport di squadra

Malagò e le Federazioni chiedono un nuovo DPCM al Governo

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
CONI

Lunedì pomeriggio al Foro Italico nella riunione, indetta dal presidente del CONI Giovanni Malagò, con i rappresentanti delle Federazioni degli Sport di Squadra – alcuni collegati via Skype - ed il Segretario Generale Carlo Mornati è stata stabilita all’unanimità la sospensione di tutte le competizioni sportive degli sport di squadra, ad ogni livello, fino al 3 aprile. Ascoltate le opinioni di tutti gli intervenuti, il presidente Malagò ha ringraziato tutti per la grande coesione e l’apprezzata unità di intenti manifestate in un’occasione così delicata per il Paese e per il mondo dello sport, ed ha chiesto al Governo di emanare un apposito DPCM ed alle Regioni di uniformare le singole ordinanze ai decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri per non creare divergenti applicazioni della stessa materia.

È stato richiesto al Governo di inserire anche il comparto sport, professionistico e dilettantistico, nell’annunciato piano di sostegno economico per compensare i disagi e le emergenze affrontate finora con responsabilità e senso del dovere, rinunciando allo svolgimento della regolare attività senza possibilità di recupero nelle prossime settimane. Il CONI ha ricordato altresì che le competizioni internazionali, sia per i club sia per le Nazionali, non rientrano nella propria disponibilità giurisdizionale e quindi non possono essere regolate dalle decisioni odierne. Il CONI da giorni sta sostenendo e continuerà a sostenere le singole Federazioni in tutte le iniziative che intenderanno intraprendere con le rispettive organizzazioni internazionali (europee e mondiali) per armonizzare i calendari e gli eventi anche in vista delle prossime scadenze legate alle qualificazioni olimpiche.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl