MENU

SPORT

Il Puma chiude la Pool Promozione con una vittoria, ma senza il bottino pieno

Il tie break ha sorriso alle pumine nella sfida contro Marignano e ora bisogna attendere Roma

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Il Puma chiude la Pool Promozione con una vittoria

Crediti: Guido Peirone

LPM BAM MONDOVI' - OMAG S.GIOV. IN MARIGNANO 3-2

(20-25 25-19 25-17 20-25 15-13)  

LPM BAM MONDOVI': Tanase 15, Molinaro 17, Scola 3, Hardeman 7, Mazzon 12, Taborelli 17, De Nardi (L), Bordignon 5, Bonifacio. Non entrate: Serafini, Midriano, Mandrile. All. Delmati.

OMAG S.GIOV. IN MARIGNANO: Berasi, Silva Conceicao 24, Cosi 10, Fiore 8, Peonia 15, Ceron 9, Bonvicini (L), De Bellis 5, Fedrigo, Spadoni, Aluigi. Non entrate: Penna, Urbinati (L). All. Saja.

ARBITRI: Santoro, Usai.

NOTE - Durata set: 25', 23', 23', 26', 20'; Tot: 117'.

Vittoria agrodolce dell’LPM BAM che supera in 5 set il San Giovanni in Marignano ma non riesce a portare a casa bottino pieno. Sfida complicata per le rossoblù stanche e con alcune giocatrici non al top della forma, ma che comunque chiudono con il sorriso la Pool Promozione. I punti di vantaggio su Roma sono due: ora le pumine devono solo attendere per sapere se sarà promozione diretta o se dovranno disputare la post season.

Le romagnole si aggiudicano il primo set. Le pumine scendono in campo con il freno a mano tirato e non riescono a trovare il solito gioco fluido in fase offensiva. Le ospiti sanno di dover sfruttare ogni incertezza delle rossoblù per ottenere un risultato positivo e non si lasciano sfuggire l’occasione con ordine e concentrazione mettono in difficoltà le rossoblù che provano a reagire ma non riescono ad essere incisive. Sul finale Marignano è spietato, prima distacca Mondovì con Peonia in battuta che infila il break che porta il parziale dal 17-18 al 17-22 e poi spegne le speranze di rimonta LPM con tre punti consecutivi sul finale che chiudono il set sul 20-25.

Il Puma si riscatta subito nella frazione successiva. Le ragazze di Delmati scendono in campo con un approccio totalmente diverso e sembrano da subito essere in controllo del match. Nella fase centrale cresce però il Marignano che trova un importante vantaggio e tenta l’allungo sul 12-14. Le pumine non ci stanno, consce di non poter concedere altro vantaggio alla Omag e infilano un poderoso break di 6 punti con Tanase in battuta. Le ospiti non demordono, lottano e ricuciono lo svantaggio portando il parziale a 19-18, ma le pumine alzano ulteriormente il ritmo, non sbagliano più un colpo e con Scola al servizio infilano ben 5 punti consecutivi che regalano loro ben 6 set point. Dopo aver concesso il primo, le monregalesi chiudono la questione e pareggiano nel parziale.

Le pumine si ripropongono sull’ottimo livello di gioco espresso nel set precedente e trovano un fondamentale vantaggio nel parziale. Frazione dominata dalle pumine nella fase iniziale ma che, così come le precedenti, ha visto un calo delle rossoblù nella fase centrale prontamente riscattata con un brillante finale di frazione. Marignano viene lasciata senza alcuna possibilità di replica dalla prestazione monregalese.

Inizio di quarto set da incubo per Taborelli e compagne che non riescono ad incidere e si ritrovano sotto per 1-8 e vede Delmati costretto a sfruttare subito entrambi i timeout a disposizione. Le rossoblù, però, sanno quanto importante sia portare a casa i tre punti e non si scompongono, rimangono compatte e trovano una spumeggiante rimonta condita dal break di 5 punti consecutivi che porta le pumine dal 7-12 al pareggio nel parziale. Nonostante la parità ristabilita e l’inerzia del match a favore, le pumine faticano a mantenere l’alto ritmo di gioco anche a causa del grande dispendio di energie fisiche e mentali e Marignano cerca di riprendere in mano le redini del match e ci riesce riacquisendo un sostanzioso vantaggio nel parziale (16-21). Le pumine provano ancora lo strappo e si riportano sul meno due anche grazie ad uno scambio molto complicato che ha visto Bordignon di due salvataggi provvidenziali a palla quasi caduta. Sul finale però le riserve nel carburante sono al minimo e la dea bendata non sorride alle rossoblù che devono cedere sotto i colpi delle ospiti. 20-25 il risultato finale della frazione e vittoria che verrà assegnata al tie break.

L’inizio è ancora complicato, ma questa volta le pumine non permettono a Marignano di prendere il largo, colmano il gap nel punteggio e grazie ad un importante break, dal 4-7 al 8-7, si portano in vantaggio nel punteggio al cambio campo. Alla ripresa del gioco le pumine sembrano aver perso di lucidità e faticano contro un Marignano sempre molto aguerrito, ma le rossoblù ferite nell’orgoglio non si risparmiano, invertono la tendenza e dal 9-11 arrivano al guadagnarsi il primo match point. Sul 14-11 le pumine vanificano i primi due match points, ma un errore al servizio della Omag regala la vittoria alle rossoblù.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl