MENU

SPORT

Motociclismo: Nicola Dutto rifiutato dalla Dakar 2022

Il rammarico del pilota beinettese, simbolo degli sportivi diversamente abili

CONDIVI QUESTA NOTIZIA:
Dutto

Il recente terzo posto alla Baja Aragon, alle spalle di due normodotati, l’aveva riempito di gioia e di speranza, ma il sogno “Dakar 2022” di Nicola Dutto è evaporato qualche giorno fa con l’esclusione decretata dell’organizzazione, l’ASO. «Le polemiche non mi appartengono. Sono consapevole che la Dakar è una gara a inviti, ma l’esclusione per l’edizione 2022 mi lascia amareggiato e deluso», ha dichiarato il pilota beinettese, paraplegico dal 2010 ed icona degli sportivi diversamente abili.

Dutto non deve più mostrare niente a nessuno, dopo aver preso parte al Merzouga Rally, al Rally del Marocco, all’Africa Eco Race 2020 e alla Dakar in Perù nel 2019, in cui era stato costretto a fermarsi solo per i problemi alle moto di due dei suoi tre ghostriders (i piloti che lo accompagnano in gara per rialzarlo in caso di caduta) con conseguente polemica quando era pronto a ripartire l’indomani. La risposta dell’organizzazione lascia davvero l’amaro in bocca: «I nostri criteri sono essenzialmente basati sulle qualità sportive dei partecipanti e la loro esperienza in competizioni internazionali: per questo sfortunatamente non possiamo accettare la sua iscrizione».

Il pilota di Beinette continuerà la sua carriera motociclistica: «Mi sento pronto a partecipare con buoni risultati anche ai rally più impegnativi e questa consapevolezza accresce il mio grande disagio nel non poter portare il mio messaggio di speranza ai tanti diversamente abili anche a questa Dakar in Arabia Saudita. In ogni caso, non mollerò neppure questa volta e continuerò sulla strada che, con il sostegno di chi mi ama, traccio ogni giorno», così continua il suo comunicato.

Ulteriori informazioni sull'edizione cartacea

Edicola digitale

Sfoglia

Abbonati

le più lette

LE ALTRE NOTIZIE

Powered by Gmde srl